La miniserie su Jeffrey Dahmer al Golden Globes vince la statuetta e ottiene quattro nomination. Ma le polemiche non mancano.

Grande risultato per Evan Peters, grazie al premio Golden Globes per la categoria miglior attore nella miniserie, ottenuto quale interprete del protagonista in Dahmer – Mostro: la storia di Jeffrey Dahmer.

Due invece le nomination nelle categorie di migliore miniserie: per la migliore attrice non protagonista e il miglior attore non protagonista.

La miniserie true crime di Ryan Murphy, che ha dominato la classifica di Netflix fin dalla sua uscita, ha fatto di nuovo discutere con la vincita del premio.

La madre di Tony Hughes, una delle vittime del “mostro di Milwaukee”, si è opposta alla premiazione. Ha accusato dapprima l’Academy di “alimentare il desiderio di fama agli assassini”. Ha poi attaccato lo stesso attore per non aver onorato le vittime.

Fin dal rilascio della miniserie e subito dopo della docuserie Conversazioni con un killer: il caso Dahmer, l’opinione pubblica si è divisa: da una parte gli spettatori affascinati dal genere e dallo stile narrativo; e dall’altra i parenti delle vittime, supportati dalla comunità LGBT+, per il mancato rispetto della memoria dei ragazzi ammazzati.

Ha protestato il cugino di Errol Lindsey, che ha pubblicato un post su Twitter esprimendo la rabbia e il dolore provocati dal prodotto di Netflix.

Nonostante le critiche resta indubbia la bravura di Evan Peters, che per interpretare il serial killer si è documentato a lungo, riuscendo in modo impeccabile nella parte del lucido assassino. 

L’attore aveva già dato prova delle sue capacità di attore in altre produzioni di rilevanza: nel 2021 ha vinto il premio Emmy per Omicidio a Easttown.

Sulla miniserie puoi leggere l’analisi psicologica del personaggio di Dahmer di Gaia Corradino: Jeffrey Lionel Dahmer, il profilo psicologico del serial killer di Milwaukee.

Ti piacciono le storie ufficiali? O anche tu ami il dissenso?

Crime Window è la newsletter che ti dà uno sguardo irriverente sul mondo del crimine e della giustizia. Puoi così vedere film, serie tv e leggere libri con l'occhio addestrato di chi non si ferma alle verità di comodo. Ti arriva ogni mese con contenuti unici, con il pensiero critico delle persone libere e l'umanità di chi rispetta la dignità delle persone. ISCRIVITI SUBITO! Nessun costo, niente spam, ti cancelli quando vuoi.