L’investigazione è una delle attività umane che più ci appassiona. È mossa dalla curiosità, dalla paura, dalla tensione alla verità.

L’investigazione viene sollecitata dal mistero, dalla nostra voglia di superare la barriera dell’omertà, dal senso di giustizia che ci anima.

L’investigazione si declina su più fronti, quando diventa professione: uno è la Psicologia Investigativa; l’altro è il Giornalismo Investigativo.

La Psicologia Investigativa è una disciplina utile per studiare – con metodo e logica scientifica – i casi criminali e giudiziari.

Il Giornalismo Investigativo e d’Inchiesta è la declinazione più nobile del giornalismo, da cui mutua le tecniche più raffinate. Obiettivo? Cogliere la verità sostanziale dei fatti.

In questa sezione del magazine pubblichiamo gli articoli che hanno a che fare con l’investigazione. Con la volontà di andare oltre le verità ufficiali, in modo scomodo. E irriverente.

Ti piacciono le storie ufficiali? O anche tu ami il dissenso?

Crime Window & Media è la newsletter che ti dà uno sguardo irriverente sul mondo del crimine e della giustizia. Puoi così vedere film, serie tv e leggere libri con l'occhio addestrato di chi non si ferma alle verità di comodo. Ti arriva ogni mese con contenuti unici, con il pensiero critico delle persone libere e l'umanità di chi rispetta la dignità delle persone. ISCRIVITI SUBITO! Nessun costo, niente spam, ti cancelli quando vuoi.

PARLAMI D’AMORE. Educare i ragazzi ai sentimenti: serve davvero per diminuire la violenza di coppia?

“Parlami d’amore” nasce dal progetto della psicologa Laura Baccaro. L’obiettivo? Educare i giovani ai sentimenti ed evitare le relazioni violente. «Quale è l’antidoto alla violenza? L’antidoto è l’educazione ai sentimenti». L’ultimo numero della Rivista di Psicodinamica Criminale della psicologa Laura Baccaro si apre con questa citazione di Umberto Galimberti (filosofo,

Leggi »
Stalking-il-fenomeno-storia-caratteristiche-vittime-molestie-donne-amiche-in-gruppo-magazine-ilbiondino.org-ProsMedia-Agenzia-CorteMedia--8

Elena assassinata dalla madre. Una riflessione sulle mamme che uccidono

Criminologia: la vicenda della piccola Elena Dal Pozzo uccisa, a Catania, da Martina Patti. Martina Patti ha confessato davanti ai carabinieri di Catania e alla Procura della Repubblica l’omicidio della figlioletta Elena Del Pozzo, di neppure 5 anni. “L’ho uccisa io Elena”, ha dichiarato, raccontano gli investigatori. La bambina è

Leggi »

Ti piacciono le storie ufficiali? O anche tu ami il dissenso?

Crime Window & Media è la newsletter che ti dà uno sguardo irriverente sul mondo del crimine e della giustizia. Puoi così vedere film, serie tv e leggere libri con l'occhio addestrato di chi non si ferma alle verità di comodo. Ti arriva ogni mese con contenuti unici, con il pensiero critico delle persone libere e l'umanità di chi rispetta la dignità delle persone. ISCRIVITI SUBITO! Nessun costo, niente spam, ti cancelli quando vuoi.